Questo sito è graficamente più gradevole se visto con un browser (Internet Explorer, Netscape, Opera ecc) che supporta gli standard web, anche se è accessibile con qualsiasi browser o dispositivo internet.

Materiale di studio
logo indire

Il credo dell'arte. Orientamenti per l'azione didattica

L'arte come evento comunicativo

Senza la pretesa di inoltrarci nell'ambito epistemologico della comunicazione, né di esaurirne tutte le definizioni - cosa del resto impossibile se si considera che sono sempre più numerose le discipline che se ne interessano -, è sufficiente dire, in termini generali, che si possono individuare due definizioni di comunicazione, peraltro sempre chiamate in causa ogni qualvolta ci si accosta a questa realtà complessa e variegata e si tenta di teorizzarla.
 
La prima definizione fa riferimento al "circuito seduttivo" nel senso che il processo comunicativo prevede un emittente il quale invia un messaggio ad un ricevente con lo scopo di provocare in questo un ben preciso effetto.
 
La seconda definizione intende la comunicazione come un "processo cooperativo", ossia come processo di negoziazione, di scambio e di creazione di significati. In quest'ottica è chiaro che la comunicazione fa riferimento al processo di interazione fra emittente, messaggio e destinatario. Precisamente, si tratta di un processo che vede implicati l'emittente nella costruzione del messaggio, e il ricevente nell'attività interpretativa mediante la quale ri-costruisce il messaggio. Questo significa che un messaggio è un oggetto materiale, un intreccio di segni (testo) che incomincia a vivere, cioè a significare nel momento in cui viene letto (percepito), compreso e interpretato.
Questo secondo approccio alla comunicazione - ed è quello che per il nostro argomento ci interessa - è di tipo strutturale proprio perché si focalizza sulle relazioni che intercorrono fra le componenti necessarie per la costruzione di significati. Queste relazioni possono essere così identificate:
 
  • il testo e i segni che lo compongono;
  • colui che "legge" il testo-arte alla luce della sua esperienza culturale e sociale, esperienza che gli consente non solo di usare, ma anche di comprendere e di interpretare certi segni;
  • la consapevolezza che un testo dice oltre se stesso (dal senso letterale al senso simbolico).

 

Il modo con cui l'interazione fra le componenti indicate produce significato è oggetto di studio della semiotica, la scienza che si interessa dei segni. E l’arte cristiana è appunto un sistema segnico che veicola significati.


INDIRE © 2006